Il punto di riferimento del 3D nel ❤ della Brianza

Case History: profilati e dime di incollaggio stampati in 3D

dime incollaggio 3d

PROFILO CLIENTE

Il cliente di cui parla questa case history è un’importante azienda leader nella produzione di profilati, infissi e serramenti attiva da anni sul territorio e nel proprio settore merceologico, che conta decine di dipendenti tra uffici, produzione e commerciale.
L’azienda punta a proporre i propri serramenti di qualità nel settore consumer, ma soprattutto a livello aziendale e industriale.

ESIGENZA DEL CLIENTE

L’azienda da sempre manifesta l’esigenza di mostrarsi proattiva nei confronti dei propri clienti, indifferentemente se sono papabili o già acquisiti, proponendo linee classiche, ma anche prodotti sviluppati internamente o pensati appositamente per il cliente specifico e per le sue richieste.
In quest’ottica si inquadra la volontà di presentare un nuovo modello di profilato sottoforma di prototipo funzionale (e allo stesso tempo estetico). E con esso la dima di incollaggio per poter unire eventualmente più parti della stessa canalina e mostrarla al cliente con le misure da esso desiderate.

PROGETTO E SOLUZIONI

La differenziazione dei materiali, innanzitutto, è fondamentale ai fini della riuscita del lavoro. Le varie parti del profilato, spezzato in più segmenti modulari, devono poter essere incollate con massima precisione e per questo entrano in gioco le dime di incollaggio stampate in 3D, ovviamente realizzate in materiale differente e repellente alla colla (Loctite Super Attak, nello specifico). Per il profilato vero e proprio il cliente ha optato per il PLA alluminio di Eumakers per ricreare l’effetto metallico del profilato originale; per la dima abbiamo invece scelto l’HDPE di TreeD Filaments (polietilene ad alta densità), poiché – come accennato – non viene intaccato dall’azione della colla (basti pensare che gli stessi tubetti di Loctite Super Attak siano proprio di polietilene).
I modelli 3D di riferimento portano la firma dell’azienda stessa, pertanto il lavoro di Sharebot Monza consiste nella “sola” stampa 3D dei pezzi richiesti tramite la nostra stampante a filamento Sharebot QXXL. Una curiosità: se tutti i segmenti del profilato venissero incollati insieme, la lunghezza della canalina ottenuta sarebbe di circa 2,5 metri.

Per la stampa dell’intero progetto il tempo di stampa si attesta a circa 80 ore.

case study dime di incollaggio stampa 3d store monza sharebot
case study dime di incollaggio stampa 3d store monza sharebot
case study dime di incollaggio stampa 3d store monza sharebot
case study dime di incollaggio stampa 3d store monza sharebot

VANTAGGI RISCONTRATI

Come di consueto, è opportuno sottolineare come l’azienda cliente spenderebbe molto di più se invece della stampa 3D avesse intrapreso la strada dello stampo a iniezione, decisamente più costoso: le cifre per la sua realizzazione sono nell’ordine delle migliaia; grazie alla prototipazione rapida tramite tecnologie additive, invece, l’azienda cliente spende poche centinaia di euro.

Oltre al risparmio di denaro va sottolineato il risparmio di tempo: grazie al grande volume di stampa della stampante 3D di grande formato QXXL, è possibile ottimizzare la camera di stampa per ottenere il maggior numero di segmenti di profilato nel minor tempo possibile. L’azienda cliente così facendo risparmia fino a 2 mesi di tempo.

Poi, come accennato in precedenza, c’è la proattività: grazie a un lavoro più snello ed economico rispetto a quello svolto dalle tecnologie tradizionali, l’azienda può creare molti più modelli, anche customizzati, da poter proporre ai propri clienti. Anche a livello comunicativo l’impressione è differente: il render, astratto e poco interattivo, viene sostituito con il prototipo estetico e funzionale, che può essere toccato con mano, studiato, osservato, valutato.

Infine la possibilità di modificare profilati e dime stampati in 3D anche solo di qualche millimetro, con costi assolutamente ridotti. Se il cliente fosse costretto a modificare un profilato creato con stampo a iniezione, si troverebbe costretto a commissionare un secondo stampo a iniezione, con annesse ulteriori migliaia di euro di spesa.

I MATERIALI

PLA Eumakers

alluminio eumakers case study dime di incollaggio stampa 3d store monza sharebot

Il PLA alluminio di Eumakers è un materiale totalmente atossico e inodore in fase di stampa. Non ha particolari caratteristiche meccaniche, ma si presta a svariati usi per il suo valore estetico e per la varietà di colori e tonalità con cui si può reperire sul mercato. La varietà “alluminio” ricrea l’effetto metallico del materiale da cui prendere il nome. Il PLA (acido polilattico) è inoltre biodegradabile e compostabile.

HDPE TreeD Filaments

hdpe treed filaments case study dime di incollaggio stampa 3d store monza sharebot

L’HDPE di TreeD Filaments, 100% made in Italy come il PLA Eumakers, è un polietilene ad alta densità. Viene solitamente utilizzato per la creazione di contenitori (anche a uso alimentare) ed è molto apprezzato proprio perché non viene intaccato dalla colla. Rispetto al PLA è più elastico e più resistente a urti e abrasioni. È disponibile solo nel colore “natural”, ovvero un bianco neutro leggermente “sporco”.

STAMPANTE 3D UTILIZZATA

stampanti 3d filamento sharebot qxxl 3d store monza
  • NOME: Sharebot QXXL
  • TECNOLOGIA: filamento
  • VOLUME DI STAMPA: 705 x 350 x 300 mm
  • RISOLUZIONE Z: 50 micron
  • MATERIALI UTILIZZATI: PLA, HDPE, ….

0 Commenti

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*