Il punto di riferimento del 3D nel ❤ della Brianza

Alternanza Scuola-Lavoro nella stampa 3D: collaborazione tra Sharebot Monza e Liceo Canossiano

cover_canossiane_scuola_lavoro

Quando le professoresse responsabili del Liceo Canossiano di Monza hanno varcato la porta della nostra sede di via Carlo Amati 12, a Monza, e ci hanno illustrato la possibilità di accogliere due ragazzi del Liceo delle Scienza Applicate per svolgere l’Alternanza Scuola-Lavoro nella stampa 3D, abbiamo accettato di buon grado.

E non ce ne siamo pentiti. Siamo giunti finalmente alla fine della scuola e dunque al momento di ospitarli. Al giro di boa, dopo la prima delle due settimane previste per l’Alternanza Scuola-Lavoro, possiamo dire di non essercene affatto pentiti.

L’esperienza arricchisce entrambi gli attori: da una parte i ragazzi, da subito mostratisi entusiasti della stampa 3D, delle tecnologie additive e curiosi di capire il funzionamento di un’azienda giovane, ma già immersa a grandi ritmi nella produzione di prototipi e oggetti finiti. I due 16enni hanno da subito imparato i passaggi della modellazione e della stampa 3D, il funzionamento delle diverse stampanti 3D a filamento (tecnologia FFF, Fused Filament Fabrication) e a resina, i trucchetti per un post-curing di precisione e le dinamiche aziendali, amministrative, di marketing e di produzione.

Dall’altra parte, inutile negarlo, stiamo traendo giovamento anche noi. Non perché l’Alternanza Scuola-Lavoro sulla stampa 3D si sia tradotta nello sfruttamento dei due ragazzi, ma perché è utile e piacevole fare esperienza con la parte divulgativa del nostro business, spiegare le teoria e la pratica per testare la nostra capacità comunicativa e l’efficacia delle nostre “lezioni” che riproponiamo anche nei corsi che teniamo a Monza e nella sede di Sharebot Milano, a Cinisello Balsamo.

E poi, in ottica di una crescita che ci auspichiamo continui con l’attuale costanza, ci serviranno altre menti vivaci e braccia operose. Sapere di avere già formato dei ragazzi svegli, potremmo ricorrere proprio a loro, perché no?!

0 Commenti

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*